Soluzioni innovative per applicazioni industriali

BETA progetta e produce pressostati e termostati per le più impegnative applicazioni questo ha consentito di acquisire una grande e dettagliata esperienza delle molteplici esigenze del mercato industriale.

Il principio BETA si basa su un sensore a pistone auto-allineante di altissima qualità.

Il pistone, con una corsa limitata, trasmette la pressione dal diaframma direttamente all’interruttore senza alcun meccanismo di collegamento, proteggendo così lo strumento contro sovra pressioni elevate. Il diaframma è isolato dal processo tramite -O- ring di tenuta, contenuto nel tronchetto di connessione.

Questi tre elementi – diaframma – “O” ring – connessione al processo sono i soli a contatto con il fluido e sono disponibili in una vasta gamma di materiali.
Con lo stesso criterio costruttivo diaframma/pistone la società produce termostati a bulbo diretto o con capillare termometrico.

Inoltre Beta è riuscita a industrializzare pressostati e termostati OEM denominati Betamini adatti per essere utilizzati nelle applicazioni industriali più impegnative.

Il risultato è un pressostato ad accoppiamento diaframma/pistone con regolazione di campo a partire da 300 mbar fino a pressioni di 540 bar, anche in presenza di forti variazioni di pressione (oleodinamica). Per tutti i campi di misura la pressione di lavoro può arrivare a 400 bar continui, con punte di 650 bar. Sia i pressostati che i termostati hanno in comune la stessa costruzione meccanica (diametro cilindro 40 mm in acciaio inox), lo stesso contatto elettrico SPDT con rating di 250 V a.c. – 3A, lo stesso sistema di regolazione del campo di misura mediante regolazione della ghiera interna, lo stesso connettore elettrico DIN 43650.

Il vantaggio di un simile componente rispetto a quanto disponibile sul mercato è il valore della ripetibilità della misura inferiore allo 0,2% f.s., parametro fondamentale per la sicurezza e continuità dell’intervento d’allarme.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *